Un fine settimana intenso e denso, quello del 9-12 maggio, per i ragazzi del Circolo Scherma Valdagno. Massignan e Vencato hanno partecipato alla gara di Coppa Italia a Lucca, mentre i master Benetti e Roberti si sono diretti a Terni per partecipare ai Campionati Europei Veterani.

Massignan ha partecipato alla sua prima gara nazionale e, nonostante la comprensibile emozione per l'evento, ha conquistato diverse posizioni in classifica: partito 274° in classifica nazionale di partenza, ha superato i gironi e si è trovato ad affrontare il romano Mauro Caruso, contro cui ha registrato un'ottima prestazione ma non è ugualmente riuscito a vincere, lasciando il passo in pedana per 15-14 e salendo di tre posizioni in classifica finale (271). Vencato è invece partito 355° ad inizio gara e nonostante l'impegno non è riuscito a superare i gironi, ai quali ha dovuto affrontare avversari di alto livello: ha così concluso la sua gara mantenendo invariata la sua posizione in classifica.

Altra gara di grande importanza per i due master valdagnesi: Roberti è tornata di nuovo in pedana, nonostante i problemi non ancora del tutto risolti all'anca, e questo ha sicuramente segnato la sua prestazione: partita in 35° posizione (su un totale di 73 iscritte alla gara), ha dovuto affrontare un girone agguerrito, in cui ha affrontato avversarie caparbie, riuscendo a vincere un solo scontro e comunque a qualificarsi per le dirette con una 67° posizione. La prima avversaria, la russa Safanova, non le ha creato particolari difficoltà (10-3 per la valdagnese), ma la svizzera Hablutzel-Burki non le ha lasciato scampo e l'ha sconfitta con un netto 10-2. La classifica finale ha visto la roberti in 59° posizione nel ranking internazionale. Altra storia per Benetti (a sinistra nella foto  di Trifiletti), arrivato a Terni con un allenamento forse non sufficiente per una gara di questo tenore, ma comunque agguerrito: partito 163°, ha affrontato un girone a lui congeniale, che gli ha permesso di collezionare tre vittorie (67° posizione in classifica parziale). Saltando la prima diretta e conservando energie per la gara successiva, ha poi affrontato il francese Renau, che però ha avuto la meglio con un punteggio di 10-8 e lo ha fatto scendere in 83° posizione nel ranking internazionale.

Tutte prestazioni di buon livello per i nostri atleti, che si sono battuti sempre con determinazione, affrontando spesso avversari di alto livello senza mai rinunciare a lottare fino all'ultima stoccata. Altre gare ci aspettano a breve e speriamo che i buoni risultati continuino ad arrivare e, perché no, anche a migliorare.